Attualità - 14 aprile 2016, 21:42

La scuola primaria ‘Francesco Maria’ di Camporosso vince la selezione regionale del concorso ‘Diamo forza al nostro impegno’

La scuola, che fa parte dell'Istituto Comprensivo della Val Nervia, diretto dalla Dottoressa Maria Teresa Gorlero, ha partecipato con tutte le classi - novanta bambini - alla realizzazione di un video che riassume e testimonia il tentativo quotidiano del lavoro che la scuola porta avanti ormai da più di vent'anni per cercare di “educare” e non solo “insegnare”.

La scuola primaria ‘Francesco Maria’ di Camporosso vince  la selezione regionale del concorso ‘Diamo forza al nostro impegno’

La Scuola Primaria “Francesco Maria da Camporosso”, nel centro storico della città, è stata scelta fra tutte le scuole primarie della Liguria per partecipare alla fase nazionale del Concorso che il Ministero dell'Istruzione, in collaborazione con la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, propone ogni anno e che ha come titolo “Diamo forza al nostro impegno”.

La scuola, che fa parte dell'Istituto Comprensivo della Val Nervia, diretto dalla Dottoressa Maria Teresa Gorlero, ha partecipato con tutte le classi - novanta bambini -  alla realizzazione di un video che riassume e testimonia il tentativo quotidiano del lavoro che la scuola porta avanti ormai da più di vent'anni per cercare di “educare” e non solo “insegnare”. È un lavoro lento, lungo, del quale spesso non si vedono subito i frutti, ma è continuo, in costante collaborazione con le famiglie, le istituzioni, gli enti del territorio convinti, come qualcuno ha detto, che per far crescere un bambino serve un villaggio intero!  Il video raccoglie attività vissute in questi anni a scuola all'insegna dello star bene insieme; ha come filo conduttore i “mattoni” di una parete costruita dagli stessi alunni che hanno contribuito ciascuno con un pensiero personale su come cercare di vivere nel rispetto delle regole e dell'altro, cambiando mentalità. La colonna sonora, cantata da tutti i bambini, è un rap che dice proprio come insieme si cerchi di vivere ogni giorno, con l'aiuto di tutti, consapevoli che se non ci si prova, sicuramente non si riesce.

Prima della notizia della vittoria, il video è stato presentato ai rappresentanti di classe e a tutti i genitori della scuola riuniti in assemblea, come frutto di un lavoro comunque importante perché  rappresentativo di uno spaccato di vita e realizzato con la semplicità e la naturalezza tipica del contesto. Già in quelle occasioni le famiglie hanno dimostrato apprezzamento e adesso ancor di più la scuola tutta fa il tifo per il nostro lavoro. Con loro la Dirigente Scolastica, l'Amministrazione Comunale e le istituzioni del gruppo di lavoro “Legalmente” nel quale l'Istituto è da sempre inserito. Questo gruppo di lavoro, promosso e sostenuto dal Comune di Camporosso da più di dieci anni, vede coinvolti numerosi partner fra cui l'associazione “Libera” e la Polizia di Stato in un costante lavoro di rete e ha come scopo quello di promuovere azioni e attività di sensibilizzazione e coinvolgimento della popolazione, scolastica e non, sul tema della legalità con interventi mirati per i ragazzi quali giornate a tema, cineforum, laboratori o incontri con personaggi significativi come don Luigi Ciotti o i magistrati Giancarlo Caselli o Gherardo Colombo.

“Diamo forza al nostro impegno...per costruire la legalità”: su uno dei mattoni del muro c'è scritto “l'unione fa la forza” ed è stata questa la caratteristica principale del nostro lavoro. E per la scuola di Camporosso il traguardo raggiunto è già grandissimo! Nelle prossime settimane la Commissione esaminatrice si radunerà per selezionare le tre scuole che il giorno 23 maggio, anniversario della Strage di Capaci, saranno premiate a Palermo nell'Aula Bunker del Carcere Ucciardone di Palermo.

Ovviamente sarebbe bello ed emozionante poter essere scelti per questa importante manifestazione. Con l'umile consapevolezza che anche in una piccola realtà si può portare un contributo alla costruzione di un futuro di legalità.

Ti potrebbero interessare anche:

SU