/ AL DIRETTORE

Che tempo fa

Cerca nel web

AL DIRETTORE | 31 luglio 2014, 20:41

Discussione su Oliviero Beha: il Consigliere Lazzaretti "Impariamo ad ascoltare cosa dicono gli stranieri!"

Discussione su Oliviero Beha: il Consigliere Lazzaretti "Impariamo ad ascoltare cosa dicono gli stranieri!"

Mauro Lazzaretti, Consigliere comunale di Ventimiglia, ci ha scritto per intervenire nella discussione su Oliviero Beha:

"Dire quello che si vede è dire la verità? Se dico che la politica italiana si sta toscanizzando non dico niente di nuovo, osservo solo che molti politici toscani sono al governo, molti sono in parlamento. Se dico che la cultura si era toscanizzata forse penso a Dante, allo studio della Divina commedia… ma anche a Benigni, non dico niente di male. Perché se Beha dice che c’è una forte presenza di calabresi a Ventimiglia, che le scuole si sono calabresizzate dovremmo offenderlo? Non esiste niente di male, dice solo quello che vede, niente di nuovo se volete. Il problema esiste, è reale se noto, invece, reazioni sproporzionate. Significa allora che nell’inconscio il problema esiste. Esiste un iceberg sommerso misto di ipocrisie, di paure, di ferite antiche, di offese non dimenticate che dovremmo ascoltare per vivere davvero in pace. E’ vero, forse il problema reale è cercare di riconoscere i calabresi onesti che sono la larga maggioranza, a cui voglio bene, da quelli malavitosi. Se vogliamo però costruire una Ventimiglia turistica, bella, accogliente dobbiamo imparare ad ascoltare cosa dicono gli stranieri, i Beha di turno che si sentono all’estero. Dobbiamo far emergere anche l’identità ligure nascosta, le tradizioni, i beni storici architettonici che sono di tutti e riaffermare che Ventimiglia è nostra, non è in appalto, non è in vendita. Occorrerebbe  un forte movimento culturale di consapevolezza".

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium