/ Al Direttore

Al Direttore | 30 luglio 2014, 18:48

Dichiarazioni di Oliviero Beha su Ventimiglia: la secca risposta del nostro lettore Nico Alcise

Dichiarazioni di Oliviero Beha su Ventimiglia: la secca risposta del nostro lettore Nico Alcise

Un nostro lettore, Nico Alcise, ci ha scritto per rispondere al giornalista Oliviero Beha:

"In seguito all’articolo di Oliviero Beha pubblicato dal vostro giornale, sono rimasto sbigottito ma soprattutto indignato, da codeste dichiarazioni farneticanti, che buttano discredito su intera comunità. Vorrei capire: essere calabrese od avere tali origini, per il Sig. Beha, è un reato da perseguire penalmente? Questo finto buonista, che pontifica nei vari talk televisivi, con quale diritto, dopo essere stato un paio d’ore in questa nostra città, può dare giudizi cosi tranchant al limite del razzismo? Certo, Ventimiglia ha molteplici problemi, con una crisi socio economica sempre più grave, con l’aggravante che il nostro Comune è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. Rivolgersi e accusando un’intera comunità con espressioni di detto tenore, è indegno ed indecente da parte di un giornalista che con questo articolo, dà prova di una discutibilissima superiorità intellettuale. Avere eletto un nuovo Consiglio Comunale con molti giovani, dopo le sopraddette vicissitudini, con a capo un giovane Sindaco dalle chiare origini calabresi (visto il suo cognome), è un altro reato? Si come scritto, da un altro vostro lettore: sono uno sporco, brutto, cattivo calabrese. In barba al Sig. Beha".

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium