/ 

Spazio Annunci della tua città

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Annualmente 800 mt slm così composta: piano terra tavernetta con caminetto, camera letto matrimoniale ,bagno...

In Breve

Che tempo fa

Cerca nel web

| martedì 03 luglio 2012, 21:19

Con la rappresentazione teatrale 'Naufraghi', concluso il laboratorio teatrale alla Casa Circondariale di Sanremo

Al laboratorio hanno preso parte una dozzina di detenuti attori appartenenti a varie nazionalità, sei dei quali poi hanno rappresentato lo spettacolo finale, a cui ha assistito un pubblico interessato, partecipe e critico

Il 25 giugno, presso la sala teatro della Casa Circondariale di Sanremo, si è svolta la rappresentazione teatrale intitolata 'Naufraghi'. Lo spettacolo segna la conclusione del laboratorio teatrale 2011-2012, tenuto dall’insegnante, professore Davide Barella che, con l’occasione, ha festeggiato il decimo anno di collaborazione con il carcere. La pièce 'Naufraghi' è stata scritta dai detenuti stessi e realizzata, come il corso e come altre attività dell'Istituto, grazie al contributo, fondamentale, della Fondazione Ca.Ri.Ge.


La storia è quella di sei naufraghi, sei uomini che confrontano le loro vite precedenti al naufragio avvenuto sulla classica isola deserta. La metafora con la condizione carcerari a è evidente e viene sviluppata dagli attori con partecipazione ma non senza ironia fino al finale a sorpresa. 

L’attività teatrale presso la casa circondariale di Sanremo è presente fin dal 1993, quando ancora il carcere si trovava nei vecchi locali di Santa Tecla. Il direttore, dottor Francesco Frontirré, ha infatti sempre creduto nella valenza educativa e trattamentale dell’attività teatrale, tanto da costituire una costante all’interno delle attività che vedono coinvolta la popolazione detenuta.

Al laboratorio hanno preso parte complessivamente una dozzina di detenuti attori appartenenti a varie nazionalità, sei dei quali poi hanno rappresentato lo spettacolo finale, a cui ha assistito un pubblico interessato, partecipe e critico, formato da autorità civili e religiose, appartenenti al mondo della scuola e del volontariato nonché altre associazioni, Lions club, che a vario titolo, promuovono e sostengono le attività che si svolgono all’interno dell’istituto.

Rinangela Faraldi 

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore