CRONACA | lunedì 20 ottobre 2014 11:41

Cerca nel web

CRONACA | mercoledì 14 marzo 2012, 16:57

Ventimiglia: ricettazione di carte di credito, rinviato al 4 maggio con sentenza

Condividi |  

Greco di fatto deve rispondere di ricettazione anche se a suo discapito lui ha sempre sostenuto che fossero appartenute al precedente proprietario dell'esercizio.

L'avvocato Pio Guido Felici

Andrà a sentenza il prossimo 4 maggio il processo a carico di Steeves Story Greco, noto professionista di Ventimiglia difeso dall'avvocato Guido Pio Felici. L'esercente lo scorso 12 maggio 2011 era stato condannato a 3 anni e 6 mesi per lesioni, rapina e sequestro di persona. In questa nuova udienza, attesa stamattina e poi rinviata, Greco doveva rispondere di ricettazione per alcune carte di credito, risultate poi rubate, che vennero ritrovate nell'ambito della stessa indagine per i fatti che lo portarono alla condanna dell'anno scorso.

Per quanto riguarda la prima condanna i fatti risalgono al 2008 quando Greco, lavoratore presso un noto negozio di telefonia cellulare, si rese conto che gli erano stati sottratti due telefonini. Non passò molto tempo che i legittimi proprietari tornarono a chiedere indietro i cellulari, ma Greco gli spiegò la situazione e disse loro di aver individuato il presunto responsabile del furto, Rollo. Quest'ultimo ricevette appuntamento al negozio dove oltre a trovare l'imputato vi trovò anche i due proprietari dei cellulari, due nordafricani della zona dell'Arianne di Nizza. 

Di fronte al Rollo, i francesi, chiuserò la porta del negozio ed iniziarono a colpire con violenza il presunto ladro con l'intento di estorcergli dei soldi e poi se ne andarono. A violenza finita Greco, che forse non si aspettava una reazione di questo tipo dai due aggressori mostrò subito un atteggiamento collaborativo andando anche a denunciare l'accaduto alla polizia e cercando di aiutare gli inquirenti a venire a capo della vicenda. 

In quel contesto gli agenti ritrovarono le carte di credito nel retrobottega, nonostante queste non fossero mai state usate, risultavano rubate. Greco di fatto deve rispondere di ricettazione anche se a suo discapito lui ha sempre sostenuto che fossero appartenute al precedente proprietario dell'esercizio.

Stefano Michero

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Link Utili|Scrivi al Direttore