/ EVENTI

EVENTI | lunedì 16 agosto 2010, 18:26

Imperia: successo per la Lira Battistiana, già si guarda alla decima edizione

Andrea Mingardi guest star della nona edizione della kermesse organizzata dal Circolo Parasio con la direzione artistica di Jeff Aliprandi.

Il sindaco Paolo Strescino mentre premia Mingardi

Il sindaco Paolo Strescino mentre premia Mingardi

Nonostante sia stata la serata imperiese più fredda dell’estate (vento e temperatura sotto i 20 gradi… dopo la pioggia in tarda mattinata) la Lira Battistiana 2010 alla Spiaggia d’Oro di Imperia ha visto la partecipazione di grandi personaggi a cominciare da Andrea Mingardi che, accompagnato al piano dal Maestro Maurizio Tirelli, ha coinvolto il pubblico con una performance densa di pathos eseguendo brani suoi e, come da tradizione, canzoni di Lucio Battisti. A lui è andata La Lira Battistiana 2010. premio Pop d’Autore 9° edizione. Come ogni anno l’evento è stato organizzato dal Circolo Parasio con il contributo di Comune di Imperia e Provincia sotto la direzione artistica di Jeff Aliprandi, cantante dei Verderame, coadiuvato dal genovese Claudio Manuelli. Ha condotto la serata Fernando Fratarcangeli - direttore della rivista musicale “Raro!”, giornalista e conduttore di Radiouno, affiancato dall’imperiese Silvia Roncallo. A Fratarcangeli è inoltre stata consegnata dal Circolo Parasio la targa di riconoscenza e stima per la sua disponibilità e competenza. Sul palco si sono alternati altri artisti come gli stessi Verderame, gruppo “portante”, che hanno presentato  versioni particolari del repertorio battistiano, i Mattomuto, Sarah Jane Stones, Beppe Crovella, Stefania Schintu & Stefano Ronchi, Nando Misuraca, Max Onorari, Andrea Esposito, Nadia Putzu.In occasione del quarantennale del capolavoro di Lucio Battisti “Emozioni” e dell’album omonimo che ricorre in questo 2010, sono stati proposti molti brani tratti da questo disco.Grande sorpresa è stata la telefonata in diretta di Gabriele Lorenzi, tastierista della mitica Formula 3, gruppo che accompagnò Lucio Battisti nei suoi rarissimi concerti.Nel corso della serata è stata anche consegnata la targa “Raro!” al tastierista torinese Beppe Crovella, come componente del gruppo Arti & Mestieri. Il premio viene assegnato dalla rivista musicale “Raro!” ad artisti le cui produzioni hanno acquisito particolare valore nell’ambito del collezionismo discografico. Nel 1998, oltretutto, Crovella incise da solista un cd per organo hammond in tributo a Lucio Battisti, album ad oggi molto ricercato.Gli altri gruppi e solisti che si sono alternati sono stati iMattomuto Band torinese il cui leader è Louis Atzori, batterista di gruppi progressive degli anni 70. Tra le sue esperienze anche quella con Lucio Battisti. Suonò infatti con lui al Mulino, la mitica sala prove brianzola di Battisti e Mogol. Durante la serata ci ha raccontato della sua esperienza con Lucio.Sarah Jane Stones Bolognese. Al secolo Sara Borsarini, grintosa interprete soul prodotta da Battisti ai tempi della neonata etichetta Numero Uno. Di Lucio cantò 3 brani (Uomini, Perché dovrei, Io mamma) col semplice pseudonimo Sara. In seguito varie esperienze artistiche fra cui la militanza negli Area in sostituzione del grande Demetrio Stratos. Alla Lira, accompagnata dai Verderame, ha ricantato proprio “Perché dovrei” ed ha dato una sua personalissima interpretazione di “Insieme a te sto bene”. Max Onorari. In arrivo dalla Svizzera. Storico inviato della Radio Montecarlo degli anni d’oro, colui che nel ’76 rilasciò a Battisti un’intervista  rimasta inedita… Ma l’altra sera abbiamo avuto il privilegio e l’esclusiva di ascoltarne alcuni passaggi. Nadia Putzu.Già sue le coreografie nelle edizioni passate. Quest’anno la ballerina è stata la genovese Nadia Putzu Stefania Schintu raffinata ed elegante voce genovese, ha proposto brani di Lucio Battisti accompagnata da Stefano Ronchi, chitarrista trasversale nei diversi generi, che ha trovato nel blues la sua identità musicale, può di diritto essere inserito nella lista dei musicisti più promettenti del panorama nazionale. Nando Misuraca, giovane cantautore di Napoli tra i più promettenti della scena nazionale. Vanta collaborazioni con musicisti di primissimo livello. Anche lui ha una sfrenata passione per Lucio Battisti. Di cui ha interpretato tre canzoni. Beppe Crovella, tastierista torinese dei gloriosi Arti & Mestieri, gruppo cult della scena progressive italiana degli anni ’70. Nel corso della serata, in rappresentanza della sua band, ha ricevuto da Fernando Fratarcangeli la targa “Raro!”. Da ricordare che nel 1998 Crovella incise da solista un cd per organo hammond in tributo a Lucio Battisti, album ad oggi molto ricercato. Andrea Esposito, torinese. La voce battistiana della Lira. Davvero molto“evocativa”. Presente in tutte le edizioni. Ormai fa parte del cast fisso.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore