/ SPORT

Che tempo fa

Cerca nel web

SPORT | 11 luglio 2010, 14:49

Atletica: battuto record nella 4X100 allievi con Davide Re

Atletica: battuto record nella 4X100 allievi con Davide Re

Ieri a Pergine Valsugana Davide Re, della Maurina Olio Carli con Vito Incantalupo (proveniente da Bari), Michele Tricca (Susa), Marco Lorenzi (Trento) ha stabilito il nuovo primato italiano della staffetta 4x400 allievi con 3'13"58.

 

Arriva in chiusura del 14 Meeting Citt di Pergine il risultato da copertina: la 4x400 allievi azzurra è infatti riuscita a migliorare il record italiano di categoria, fermando il cronometro sul tempo di 3'13"58 andando a migliorare il precedente riferimento dell'ottobre 1998 (3'16"15 di Mattei-Pavan-Nadolski-Bortolaso a Shangai). A comporre il quartetto azzurro, nell'ordine sono stati Vito Incantalupo, Michele Tricca, Davide Re (della Maurina Olio Carli) ed il padrone di casa Marco Lorenzi che davanti al pubblico della sua Pergine ha firmato il terzo record nazionale stagionale, dopo i successi personali nei 300 e 400 metri. In precedenza erano stati altri due i primati nazionali a tremare: in ordine di tempo la veneta Elena Vallortigara è andata vicinissima a migliorare il record italiano under 20 del salto in alto, arrendendosi per un nulla a 1,91 dopo aver messo in cassaforte il concorso con il nuovo record della manifestazione a quota 1,87. Pochi minuti prima che in pista scendesse il quartetto della 4x400 Elisa Cusma aveva provato a riscrivere la storia dei 600 italiani, ma dopo l'aiuto delle lepri Irene Baldessari e Antonella Riva, la modenese si è fermata a 1'26"16, ad un secondo e mezzo dal limite di Patrizia Spuri.

 

Il resto della serata perginese ha messo in evidenza un'ottima Marta Milani, protagonista indiscussa dei 400 metri con 52"57 imitata poco dopo dalla campionessa italiana Marzia Caravelli, prima firma dei 100hs in un probante 13"37, corso nella forte umidit di Pergine. Profeta in patria, nel lungo, Elisa Zanei (Valsugana), volata a 6,24 mentre la velocit ha premiato Audrey Alloh (11"76, un paio di centesimi meglio di Martina Giovanetti) e Jacques Riparelli (10"55 ma un miglior 10"36 in batteria). Meno brillanti del previsto i due 800 metri: l'italo cubana Santiusti Caballero ha firmato la prova femminile in 2'03"11 e spiccioli, imitata dal keniano Kynior in 1'46"03 mentre il campione olimpico Bungei si perdeva nella retrovie.

 

Luca Perenzoni

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium